Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 maggio 2013 6 11 /05 /maggio /2013 14:01

Dopo un inizio segnato dal costo elevato e dallo spazio di memorizzazione ridotto gli SSD stanno iniziando a guadagnare posizioni rispetto agli hard disk classici.

Più veloci e resistenti, meno soggetti a errori di scrittura/lettura, gli ssd sembrano effettivamente essere la soluzione ideale per la memorizzazione dei dati. Ma ci sono anche diversi svantaggi nel loro utilizzo, che spesso gli utenti (attratti dalle prestazioni migliori) tendono a sottovalutare e/o a ignorare del tutto. 

http://notebookitalia.it/images/stories/ssd_vs_hdd.jpg

Ad esempio, pur essendo vero che gli ssd hanno meno parti in movimento rispetto agli hd tradizionali e che di conseguenza c'è meno pericolo di guasti meccanici, è anche vero che rispetto a questi hanno una vita media minore per via del numero massimo di riscritture che ogni singola cella di memoria può avere e che è sensibilmente ridotto.

I produttori promettono che le prestazioni miglioreranno con l'avanzare della tecnologia, ma per ora se si fa un uso spietato del backup con continue scritture e letture un hd tradizionale è forse una soluzione migliore.

Non bisogna poi dimenticarsi che il prezzo medio per GB è molto più alto in un ssd che in un hd meccanico; a conti fatti se si deve conservare una grande quantità di dati la soluzione più abbordabile resta quella di affidarsi a un hd classico che a parità di prezzo può essere acquistato di dimensioni ben più grandi rispetto a un ssd

Un discorso correlato a quello dei guasti è il recupero dei dati. Nel caso di un hd meccanico è complicato ma non impossibile anche per i meno esperti riuscirne a recuperare gran parte del contenuto in seguito a un guasto; per un ssd invece è praticamente impossibile.

Ogni costruttore adotta infatti degli algoritmi proprietari per la scrittura e la protezione dei dati: questo vuol dire che ogni singola marca ha bisogno del tool specifico per poter accedere ai dati in caso di guasti; e a quel punto la soluzione migliore è affidarsi all'assistenza diretta del produttore piuttosto che ai tecnici fai-da-te.   

In definitiva nessuna delle due tecnologie è migliore in assoluto, ma nella scelta bisogna sempre ragionare caso per caso e non affidarsi alle mode e/o all'effetto novità.

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Software e Hardware
scrivi un commento

commenti