Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 ottobre 2013 3 23 /10 /ottobre /2013 19:26

Valve è oramai pronta a presentare la sua SteamBox, ma più si avvicina il momento tanto atteso e più iniziano a farsi vedere gli scettici, intesi come coloro che non sono affatto convinti della scelta di Valve.

Primo fra tutti il fondatore di IdSoftware, John Carmack, che in una conferenza di Nvidia ha dichiarato apertamente di ritenere l'idea di Valve di convincere gli sviluppatori a concentrarsi su Linux un'idea quantomeno azzardata.

Il problema non sarebbe tecnico, dal momento che non ci sono dubbi sulle capacità di una versione linux ottimizzata per il gaming, ma economico/commerciale.

http://i2.wp.com/boygeniusreport.files.wordpress.com/2012/08/valve-steam-logo.jpg?w=618

Riuscirà Valve a spingere le software house verso la propria soluzione? Difficile secondo Carmack; il mercato dei videogames è quasi saturo e fra le varie console e il PC classico non è per niente scontato che la SteamBox riesca a ritagliarsi uno spazio vitale. 

In realtà la questione è piuttosto complicata e si presta a varie interpretazioni: da un lato è vero che se non ci sono utenti che spingono per una piattaforma è quasi impossibile che uno sviluppatore possa interessarsi ad essa; ma è anche vero che senza un parco software adeguate nessuna piattaforma (sia per la produttività che per il gaming) riesce ad attirare gli utenti. 

Bisognerebbe insomma che si crei una sinergia fra sviluppatori e produttori per fare in modo che le loro esigenze si incontrino a metà strada.

Quasi impossibile di questi tempi, dove conta sopratutto il profitto immediato e nessuno è disposto ad investire denaro senza la sicurezza di recuperarne almeno una parte. Come se la caverà la SteamBox? Fra qualche settimana ne sapremo di più.

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Videogiochi
scrivi un commento

commenti