Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 giugno 2013 3 19 /06 /giugno /2013 11:16

Credevate che Internet Explorer (o Exploder per i maligni) fosse il peggior browser esistente? Un tempo forse, ma con la versione 10 le cose sembrano essere cambiate in meglio. 

Almeno stando a quanto riportato dai test effettuati da nss labs (assolutamente indipendenti a detta degli autori, proprio per evitare facili accuse da parte dei detrattori).

51c18775d535cffe77000041.jpeg

I risultati (disponibili in pdf) parlano chiaro e mostrano che nel 99.96% dei casi il browser di Microsoft riesce a riconoscere e bloccare i link che puntano a siti di spam e/o malware, staccando nettamente la concorrenza di Chrome fermo all'83.16% e con gli altri che a stento raggiungono la doppia cifra. 

Il segreto del successo di IE sarebbe nell'algoritmo usato per determinare la sicurezza di un dato URL; i rivali preferiscono agire solo dopo aver acceduto alla pagina e iniziato il download delle sue componenti (quando oramai è troppo tardi in molti casi), IE invece grazie a un database costantemente aggiornato contentente una black list dei siti pericolosi e a un controllo del codice della pagina per cercare script potenzialmente dannosi lavora in anticipo, bloccando la richiesta alla lettura dell'indirizzo nei casi di presunto pericolo.

Un ruolo importante in questo successo è giocato dagli utenti stessi: la segnalazione tempestiva dei siti pericolosi è di fondamentale importanza sia per riempire la black list cin dati aggiornati sia per aggiornare la conoscenza degli script malevoli. 

Questo però non vuol dire che Internet Explorer 10 sia sicuro al 100%. I virus che provengono da files infetti e/o software scaricato non sono rintracciabili senza un antivirus aggiornato; sembra una cosa scontata, ma non lo è. 

 

  

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Software e Hardware
scrivi un commento

commenti