Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
24 dicembre 2012 1 24 /12 /dicembre /2012 14:13

I profili fake sono da sempre il problema principale dei social network. In particolare ad essere bersagliato dai falsi utenti è Twitter, la cui particolare conformazione si presta a facili incursioni da parte dei fake, account aperti allo scopo di riempire di spam le home page degli utenti.

Ma l'invasione potrebbe terminare presto per mano del CNR di Pisa che tramite il suo Istituto di Informatica e Telematica è al lavoro su un progetto che mira a smascherare in modo scientifico i falsi utenti. 

http://www.pc-facile.com/images/notizie/twitter-fake-project.jpg

Parte di un progetto più ampio destinato a smascherare le false recensioni sui siti di e-commerce, The Fake Project è incentrato sui comportamenti sospetti degli utenti fake cioè quelli che pur comparendo nella lista dei followers non hanno alcuna interazione con altri utenti.

Questo approccio però fino ad oggi non è mai stato affrontato in modo scientifico e pur essendo utilizzato da molti software in circolazione manca di quella che si chiama validazione automatica, limitandosi a valutare empiricamente le azioni che partono da ogni account per verificare il suo grado di falsità.

L'idea del CNR è invece quella di partire da un insieme di utenti di cui è certa la non falsità che farà da riferimento per testare i vari algoritmi di ricerca dei fake sviluppati non solo in loco ma anche da altri ricercatori.

Quelli che in informatica sono detti algortimi di Clustering e che sono utilizzati per suddividere un grande insieme di dati in sottoinsiemi omogenei secondo una qualche caratteristica. 

Il problema è che c'è bisogno di un insieme di partenza che sia popolato il più possibile. Per questo il CNR è alla ricerca di followers verificati : l'account da seguire è @TheFakeproject; lasciandogli un tweet con un apposito messaggio si potrà dare conferma del proprio essere umano ed essere inseriti nell'insieme di base dei buoni che sarà utilizzato per il test dei vari algoritmi sviluppati.


Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Web e Cultura digitale
scrivi un commento

commenti