Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 settembre 2013 7 29 /09 /settembre /2013 14:49

Il problema dei caricabatterie non uguali per ogni smartphone/tablet è sempre attuale. Nonostante negli ultimi anni la maggior parte dei produttori si sia adeguata e i cavi micro-usb siano diventati una specie di standard non ufficiale la situazione non è stata ancora regolamentata da nessuno, col risultato che ci sono ancora troppi produttori che fanno di testa loro. 

Fra questi sicuramente Apple: gli iPhone e gli iPad continuano ad utilizzare la cavetteria proprietaria della mela, risultando incompatibili con qualsiasi altro caricabatterie che non sia prodotto da Apple o su licenza ufficiale dell'azienda.

http://itech.doki.it/uploads/2009/08/cavo-usb-multiuscite-su-usb-fever.gif

Un bel problema secondo l'Unione Europea, fermamente convinta della necessità di arrivare al caricabatteria unico; una questione non solo economica, ma anche ambientale.

A parte i costi da sopportare a ogni cambio di dispositivo per quello che riguarda l'acquisto della cavetteria necessaria (e non compresa nella confezione originale) c'è infatti anche un aspetto ecologico da non sottovalutare: che fine fanno i caricabatterie e i cavi di connessione verso il PC dei vecchi cellulari? Nella peggiore delle ipotesi si buttano, diventando rifiuti elettronici da smaltire. 

Come risolvere il problema? Spingendo i Paesi membri dell'UE a introdurre regolamenti che costringano i produttori a utilizzare tutti gli stessi connettori e/o caricabatteria.

Più facile a dirsi che a farsi, anche considerando che non sarà certo semplice convincere Apple ad abbandonare l'esclusiva sui propri accessori per fare un favore alla concorrenza.    

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Telefonia e Comunicazione
scrivi un commento

commenti

ristorante milano 04/16/2015 12:10

La ragione popolarità di ristorante milano è che essi presentano i pasti nel modo più fantasioso e creativo possibile. Ogni piatto è come un'opera d'arte per chef italiani. Sono gli unici ristoranti che producono le pizze da 20 pollici, che hanno respirato varie verdure diverse, frutti di mare, le spezie e carni che non si sarebbe nemmeno pensare di combinare. http://www.ristorante.milano.it