Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 novembre 2013 7 10 /11 /novembre /2013 12:55

E' davvero un periodo d'oro per i bug hunter, ovvero coloro che ricercano i bug all'interno di software e siti web non per scopi malvagi ma per puro divertimento.

Il progetto HackerOne, nato dall'idea congiunta dei responsabili della sicurezza di Facebook e Chrome, promette infatti grosse ricompense a chiunque sia in grado di scoprire un bug nelle loro piattaforme e fornirne i dettagli.

Le piattaforme su cui scatenarsi sono diverse: si va da Apache a Perl, da Php a openSSL, fino ad arrivare alla categoria più ricca, quella di Internet in Generale che promette premi fino a 5000$ e che abbraccia le piattaforme web nella loro totalità.

http://www.eteignezvotreordinateur.com/wp-content/uploads/2012/09/facebook_bug.jpg

I premi sono suddivisi in base diversi parametri e si va da un minimo di 250$ a salire. Decisamente una proposta interessante quella di pagare chi scopre i bug dei propri software; al punto che negli ultimi tempi iniziative simili si stanno diffondendo sempre di più per la gioia degli hacker buoni

Ovviamente non bisogna pensare che le aziende in questione siano impazzite: la fase di testing e bug recovery è da sempre quella più difficile nell'ambito dello sviluppo software ed è alquanto complicata. 

Ricordiamoci inoltre che i bug di un software possono essere solo scoperti e in nessun caso si può dire che un software non ne contiene. Da queste premesse è piuttosto evidente che qualsiasi possibilità ci sia di scoprire un bug deve essere sfruttata; come? Pagando qualcuno che lavori al posto dei nostri sviluppatori.

Un premio in denaro fa sempre gola a tutti, meglio ancora se i soldi li caccia Google o Facebook, la soddisfazione diventa ancora maggiore.

  

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Web e Cultura digitale
scrivi un commento

commenti