Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
12 novembre 2011 6 12 /11 /novembre /2011 19:49
http://games.hdblog.it/wp-content/uploads/2011/05/modern-warfare-3.jpgDopo l'uscita di Battlefield 3, a tale proposito vi rimando all'articolo Arriva Battlefield 3, arriva sugli scaffali dei videogiocatori italiani il concorrente più agguerrito.
Tutti conosciamo la serie Call of Duty che da anni trasporta gli appassionati in mezzo alle battaglie più famose di tutte le guerre possibili e immaginabili (a tale proposito mi sono sempre chiesto come mai nessun gioco sia ambientato nella prima guerra mondiale, ci pensate a impersonare un fante durante la battaglia di Caporetto ?).
L'ultimo capitolo della serie è il terzo del ramo moderno della serie, inaugurato con Call of Duty 4 : Modern Warfare; l'attesa è stata tanta, anche per via della contemporanea uscita del concorrente diretto. Vediamo se tanto pazientare è stato giustificato oppure no.
Iniziamo subito col dire che dal punto di vista della trama della campagna single-player si riparte da dove ci eravamo fermati: ritorna Makarov, il super-integralista russo che anche in questo capitolo proverà a distruggere la democrazia mondiale a colpi di attentati nelle più grandi città del mondo; Praga, Londra, Parigi, Berlino e New York saranno solo alcune delle ambientazioni in cui il nostro alter-ego militare dovrà impegnarsi per evitare che i terroristi scatenino la terza guerra mondiale.
I livelli sono molto lineari come tradizione di Infinity Ward, ma riescono a coinvolgere il giocatore grazie all'alternanza di luoghi chiusi e aperti e alla solita maestria con cui gli sviluppatori riescono a alternare scene adrenaliniche ed eventi scriptati.
http://www.ads-news.com/wp-content/uploads/Modern-Warfare-3-500x276.pngIl gameplay è coinvolgente, frenetico e votato all'azione, non è simulativo come quello che contraddistingue il nemico videoludico, ma riesce ad impegnare il giocatore per molto tempo, anche grazie a trovate spettacolari e sequenze mozzafiato che ci terranno costantemente in tensione. I dettagli sono curati nei minimi particolari, e ci faranno sentire immersi nella battaglia come nella tradizione della serie; non mancheranno esplosioni e pallottole che ci cadranno intorno come se piovessero, i nostri compagni ci aiuteranno nelle varie fasi della battaglia senza mai strafare, ma i nemici purtroppo tenderanno come al solito a mirare solo contro il nostro personaggio (con una precisione piuttosto frustrante man mano che si sale nel livello di difficoltà).
L'unica pecca è la quasi totale mancanza della possibilità di esplorare i livelli, il nostro alter-ego sarà guidato sui binari invisibili tipici della serie. Questo, sebbene il design dei livelli e lo sviluppo della trama ci regali sempre parecchi colpi di scena, rende il tutto particolarmente monotono specie al livello di difficoltà più basso. Non dovremo fare altro che andare avanti, evitare pallottole e granate, e sparare ai nemici che ci piomberanno davanti. 
Il Multi-player rappresenta la vera sfida per chi ha comprato il gioco, è qui che dovremo dimostrare la nostra bravura. La grossa novità è data da Elite: il social network su cui i giocatori potranno creare partite, accedervi, pubblicare i loro record e formare clan.
http://meandmyps3.files.wordpress.com/2011/05/modern-warfare-3-multiplayer.jpg?w=500&h=354Per i clienti premium inoltre saranno presenti alcune funzionalità esclusive; il resto è pressochè invariato, una volta collegati al server ci troveremo catapultati nel bel mezzo della battaglia, e colpo dopo colpo potremo guadagnare punti, esperienza e livello, in modo da migliorare le caratteristiche del nostro commilitone virtuale.
Le meccaniche di gioco sono le stesse dei precedenti capitoli della serie: potremo giocare ai classici Deathmatch a squadre e Capture the Flag, oppure partecipare a partite in modalità Dominio, Demolizione e Sabotaggio; sono state anche inserite modalità del tutto inedite, come Uccisione Confermata e Difensore a Squadre. Avremo alcune modalità avanzate, che vengono sbloccate soltanto al raggiungimento di un certo livello da parte del proprio soldato; ad esempio, per giocare alla modalità Tattico a Squadre dovremo prima essere promossi a caporale, dopo aver conseguito il decimo livello d’esperienza. Questo sistema incentiva i giocatori ad impegnarsi nella progressione del personaggio, al fine di sbloccare continuamente nuove armi, abilità e modalità di gioco; in merito a questo risulta anche molto piacevole la grande abbondanza di gadget equipaggiabili con l’avanzare dei livelli.
Le mappe disponibili sono al momento sedici, molte delle quali ricalcano gli scenari della campagna singola. Comunque si tratta di ambientazioni ben strutturate: alcune sono più adatte per scontri veloci e brutali, come Dome e Seatown, altre invece, sono pensate per essere più tattiche, come Village e Outpost; comunque arriveranno ulteriori mappe nei prossimi mesi, grazie ai DLC che Activision annuncerà a breve.
La modalità Survival permette di affrontare ondate progressive di nemici con un ranking system che tiene conto dei nostri risultati e di quelli degli altri giocatori; questa modalità è l'ideale per l’uso di tattiche combinate e in cooperazione con altri giocatori allo scopo unico di sopravvivere il più possibile, ed è pensata per essere giocata insieme a degli amici.
Dal predecessore vengono poi ripescate le Spec Ops: sedici missioni pensate appositamente per la modalità cooperativa a due giocatori, alla fine di ognuna delle quali otterremo un punteggio relativo al tempo impiegato e agli obiettivi conseguiti. Infine fanno il loro ritorno i server dedicati, la cui assenza in Modern Warfare 2 aveva scatenato tante polemiche nell’utenza pc. 
Dal punto di vista delle caratteristiche tecniche bisogna dire che il motore grafico del gioco, invariato da anni se non in qualche aspetto, permette di godersi appieno l'azione senza rallentamenti anche nelle azioni più concitate, e anche sui PC non potentisimi. Purtroppo la qualità della grafica ne risente se paragonata a quella di Battlefield 3; anche se gli effetti sono di tutto rispetto la differenza c'è e si vede, ma per fortuna potranno notarla appieno solo gli utenti dotati di macchine dall'hardware piuttosto potente, gli altri invece troveranno molto piacevole la sensazione di giocare a un titolo di ultima uscita anche con un computer un pò più datato. In questa considerazione ci aiutano i requisiti minimi, ampiamente alla portata anche dei pc non modernissimi :
Requisiti Minimi
- OS: Windows XP / Vista / 7
- Processore: Intel Core 2 Duo E6600 o equivalente
- Memoria RAM: 2GB
- Scheda video: Shader 3.0 o superiore, NVIDIA GeForce 8600GT o ATI Radeon X1950
- Spazio su HDD: 16GB

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Videogiochi
scrivi un commento

commenti