Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
1 giugno 2013 6 01 /06 /giugno /2013 18:06

Tira una brutta aria per i professionisti della fotografia: il Chicago Sun-Times ha infatti preso una decisione drastica, eliminando completamente il suo gruppo di fotoreporter professionisti per sostituirlo con reporter armati di iPhone

Colpa della tecnologia insomma: oramai smartphones e tablet sempre più evoluti permettono a chiunque di scattare foto, girare video e pubblicarli in tempo reale in rete; la figura del fotoreporter in stile Peter Parker che scatta foto in esclusiva a Spiderman è oramai superata. 

http://school.dsvisuals.com/wp-content/uploads/DSVS_CFF-OdE.jpg

Così al Chicago Sun hanno pensato che in tempi di crisi come questi è meglio far sostenere ai propri reporter un corso di fotografia per iPhone che tenere a stipendio svariati fotografi professionisti.

E in effetti non hanno tutti i torti: basta fare un giro su Flickr e/o Instagram per rendersi conto che a parte gli immancabili cani e gatti, qualsiasi avvenimento (compresi quelli di maggiore importanza come gli attentati terroristici) vengono documentati da centinaia di foto che finiscono on-line entro pochissimi minuti dal loro verificarsi.  

Il fotoreporter professionista è oramai stato sostituito da milioni di reporter fai-da-te che armati di smartphone, tablet, fotocamera digitale economica (o costosa che sia) pubblicano foto e video sui siti internet praticamente in tempo reale facendo in modo che la qualità delle immagini scattate passi in secondo piano, con la quantità che diventa un fattore determinante. 

Qualsiasi evento viene fotografato da migliaia di persone, che con angolazioni e prospettive diverse rendono facilissimo ai giornali (specie quelli on-line) il compito di fornire informazioni visive su di un evento; pazienza se le foto saranno mosse o sfocate.

Fra centinaia di scatti ce ne sarà almeno uno che possa comparire sulla home page del proprio sito, poi caso mai sia necessaria, per una ritoccata con photoshop c'è sempre tempo. 

E' la fine della fotografia professionale? Almeno nel campo del giornalismo l'impressione è questa. 

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Web e Cultura digitale
scrivi un commento

commenti