Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
25 ottobre 2012 4 25 /10 /ottobre /2012 10:10

http://cdn0.mos.techradar.futurecdn.net///classifications/computing/software/operating-systems/images/windows7logo-580-75.jpgPer Windows XP furono rilasciati addirittura 3 service pack, per Windows 7 ci fermeremo al primo. Questa è l'intenzione di Microsoft, che nonostante l'indubbia comodità di avere in un solo eseguibile tutti gli aggiornamenti necessari affinchè una installazione da zero del sistema operativo sia effettivamente quella alla versione più aggiornata ha deciso di porre fine a questo metodo di rilascio degli update.

Sviluppare un service pack sarebbe una pratica troppo dispendiosa in termini di risorse umane e materiali e l'azienda ha preferito abbandonarla in favore di altre attività come lo sviluppo di nuovi software e/o del nuovo Windows 8 che oramai è prossimo al lancio ufficiale. 

Attenzione: questo ovviamente non significa che Windows 7 non sarà più aggiornato. Gli update mensili continueranno ad essere rilasciati regolarmente; quello che non vedremo più è il rilascio periodico dell'aggiornamento cumulativo che permetteva agli utenti privati e alle aziende di installare in una sola operazione tutti gli update rilasciati.

Dal punto di vista del software non cambia niente: chi è abituato ad aggiornare regolarmente il suo sistema operativo non riscontrerà differenze.

Ci saranno problemi solo nel caso si abbia la necessità di una installazione pulita; tutti gli aggiornamenti successivi alla SP1 dovranno essere installati uno per volta manualmente.

Un procedimento non complicatissimo (alla fine una volta collegato a internet Windows 7 fa tutto da solo) ma estremamente lungo: il tempo di installazione nel caso si vogliano completare tutti gli aggiornamenti aumenta esponenzialmente e saranno necessari numerosi riavvii per portare al termine l'operazione.

Un problema in più per le aziende e i tecnici, uno stress per gli utenti non esperti, ma non la fine del mondo. Le proteste degli utenti però non mancheranno (e qualcuno già ipotizza che sotto ci sia in realtà la volontà di spingere più utenti possibile a passare a Windows 8) su questo possiamo metterci la mano sul fuoco.  


 


Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Software e Hardware
scrivi un commento

commenti