Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 luglio 2013 5 05 /07 /luglio /2013 19:43

http://lightstorage.ilcittadinomb.it/mediaon/cms.ilcittadinomb/storage/site_media/media/photologue/2013/6/9/photos/cache/usa-datagate-talpa-e-ex-tecnico-cia_4fa7deb2-d13f-11e2-b536-bef349947bad_display.jpgDa quando il datagate è venuto alla ribalta nessun sito internet sembra essere al sicuro: qualsiasi comunicazione potrebbe essere potenzialmente intercettabile, con buona pace degli utenti più fissati con la privacy che non sembrano per niente contenti di questa situazione.

Ma a sorpresa un social network potrebbe essere scampato all'occhio di prism e come i due piccoli hobbit che scorrazzavano allegramente sotto lo sguardo di Sauron (scusate la divagazione letteraria) i suoi iscritti potrebbero essere passati indenni attraverso la tempesta del datagate. 

Parliamo di Twitter, la piattaforma di microblogging preferita dai vip di tutto il mondo. Il segreto starebbe nella natura stessa di questo social network; 140 caratteri sono troppo pochi per portare a termine un discorso di senso compiuto, figuriamoci una conversazione segreta.  

L'impossibilità di portare a compimento lunghissimi post e discussioni con i propri contatti è forse uno dei punti deboli di questo social network rispetto al rivale Facebook, ma a quanto pare grazie a questa caratteristica non è nelle preferenze dei potenziali terroristi, che preferiscono altre piattaforme per esporre i loro piani diabolici.

Con queste premesse spiare gli utenti di twitter sarà sembrato pressochè inutile alla NSA, anche considerando che nel caso specifici chiunque è leggibile da chiunque, senza bisogno di richieste di amicizia ecc.

Basta essere follower di un altro utente per venire a conoscenza di qualsiasi cosa gli passi per la testa di twittare. Praticamente l'opposto della segretezza: L'avranno notato anche gli agenti segreti americani, che hanno pensato bene di occuparsi di altre piattaforme ben più segrete. 

Ad essere onesti su twitter esistono anche i messaggi privati, ma sono utilizzati col contagocce dagli utenti proprio in virtù della filosofia siamo tutti amici di tutti tipica di questa piattaforma. 

Insomma: l'unico modo per essere al sicuro dalle spie è non avere segreti. Un pò banale come scoperta, ma a quanto pare la morale della storia è proprio questa. 

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Web e Cultura digitale
scrivi un commento

commenti