Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 maggio 2013 1 06 /05 /maggio /2013 18:54

Svolta nel mondo di Youtube: a breve il sito di video sharing più famoso di internet smetterà di essere gratis per tutti, inaugurando una serie di canali a pagamento. Dovrebbero essere in tutto una cinquantina i canali in questione, per la cui visione gli utenti saranno obbligati a pagare una quota mensile di circa 2$ e che offriranno in visione programmi di ogni genere; si va dalle serie TV ai film, passando per i programmi televisivi più famosi.

http://tecnologia.guidone.it/wp-content/uploads/2013/04/youtube-copyright.jpg

Una svolta quasi epocale per youtube, resa necessaria non solo dal successo della concorrenza (qualcuno ha detto netflix?) ma anche da un fenomeno piuttosto preoccupante: film completi e puntate di serie TV sono già presenti sulla piattaforma, ma in forma pirata.

Un problema per i vertici di Google (proprietario della piattaforma), costretti ogni giorno a verificare la proprietà dei contenuti e a continue cause legali contro le reti TV che accusano la piattaforma di usare contenuti protetti da copyright.

Come risolvere la questione? Si proverà a trovare un compromesso: i contenuti gratuiti caricati dagli utenti resteranno (e ci mancherebbe che li tolgano aggiungo io), ma ad essi si affiancheranno varie sezioni del sito a pagamento nelle quali i canali che hanno stretto accordi con youtube caricheranno contenuti visibili solo dagli utenti che pagano. 

I proventi secondo le prime notizie saranno divisi in questo modo: 45% a Google e 55% ai proprietari, che saranno così accontentati e riceveranno il giusto guadagno dai i contenuti di loro proprietà (almeno secondo loro).

Non è ancora chiaro quali saranno i canali visibili sotto abbonamento, ma sempre secondo i soliti informati entro qualche settimana inizieranno già ad essere disponibili sul sito. Non ci resta che attendere, nel frattempo state tranquilli, il video di gagnam style continuerà ad essere gratuito. 


Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Web e Cultura digitale
scrivi un commento

commenti