Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 luglio 2013 2 23 /07 /luglio /2013 19:40

Canonical non si accontenta del successo di Ubuntu e (come già sappiamo) si è lanciata nel modo degli smartphones.

I terminali in questione però stentano a farsi vedere: i produttori non sembrano ancora del tutto convinti del progetto Ubuntu Phone OS e non si decidono a realizzare modelli in grado di supportarlo.

Come risolvere il problema? Canonical chiede una mano agli appassionati attraverso un progetto finanziato dagli stessi utenti. Ubuntu Edge, questo è il nome, sarà uno smartphone da paura: 4 GB di ram, 128 GB di memoria, fotocamera da 8 MP, NFC, LTE, dual boot con Android e la possibilità di usarlo come PC grazie a un'apposita docking station. 

Sarebbe tutto perfetto a prima vista, se non fosse per un particolare: servono 32 milioni di $ per la produzione. Una cifra esorbitante che Canonical ha pensato bene di chiedere direttamente agli interessati all'acquisto e/o ai semplici appassionati.

http://cdn0.mos.techradar.futurecdn.net//art/mobile_phones/Ubuntu/Ubuntu%20Edge/YouTube%20screen%20grab-580-75.jpg

Insomma, Canonical ha intenzione di fare sul serio nel mondo della telefonia, ma ha bisgno dell'aiuto dei fans. Una situazione anomala per certi aspetti ma che potrebbe tracciare una strada nuova per tutti i produttori di smartphones che non hanno la potenza economica di AppleSamung e Nokia. 

 Donando un minimo di 20$ si diventa semplici sostenitori del progetto, con 10.000$ invece si avrà la possibilità di avere in anteprima un Ubuntu Edge, con 80.000$ se ne potranno avere addirittura 100 ed accedere all'enterprise bundle destinato alle aziende. 

Una volta terminata la fase di approvigionamento per i finanziatori il prezzo al pubblico di Ubuntu Edge dovrebbe essere di circa 800$, ma l'azienda ci tiene a precisare che la produzione inizierà solo raggiunto il traguardo dei 32 milioni.

In caso contrario il denaro accumulato non sarà restituito ma investito in altri progetti: il pericolo della fregatura sembra essere dietro l'angolo, ma l'azienda è fiduciosa e spera di riuscire a ottenere la cifra richiesta. 

 


Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Telefonia e Comunicazione
scrivi un commento

commenti