Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
31 ottobre 2012 3 31 /10 /ottobre /2012 14:02

Gli smartphones di ultima generazione portano in dote molte funzioni avanzate. Se per alcune gli utenti hanno abbastanza chiaro in cosa consistano, per altre come NFC ed LTE, le idee sono piuttosto confuse e nonostante se ne faccia un gran parlare sono pochi gli utenti che sanno di preciso cosa siano e come funzionino.

Dopo aver parlato della prima qualche tempo fa è arrivato il momento di concentrarci sulla tecnologia LTE. Con questo acronimo si identifica Long Term Evolution, uno standard di comunicazione GSM che supera i limiti dell'UMTS e si piazza in posizione intermedia fra questo e il 4G vero e proprio (anche se c'è da dire che si tende ad unificare LTE e 4G in un unica categoria).

Lo scopo di questa nuova tecnologia è ottenere la connessione a banda larga in mobilità, utilizzando le frequenze a 800 MHz, 900 MHz, 1800 MHz e 2600 MHZ.

Le prime saranno disponibili non appena il digitale terrestre (attualmente sono occupate dai segnali TV analogici) avrà preso piede, le altre saranno rese risponibili dalla rimodulazione delle vecchie reti 2G oppure saranno utilizzate per la prima volta.

Rispetto a UMTS ed HSDPA i vantaggi di LTE sono evidenti e possono essere riassuti in questa tabella:

509126d3c6ba5d5ab600005e

In pratica le prestazioni delle reti LTE non discostano molto da quelle delle ADSL domestiche standard: può sembrare poco ma questo permetterà di utilizzare internet in mobilità in modo molto più efficiente rispetto a quanto fatto fin'ora. Prendete ad esempio la connessione Wi-Fi all'interno dei Frecciarossa che è basata su UMTS e GSM: quante volte ad alta velocità il segnale non va?  

Passando ad LTE non succederà più. Questo perchè i test hano dimostrato che il segnale non degrada se non dopo i 500 Km/h. Non solo: LTE utilizzerà una rete diversa da quelle GSM ed UMTS; questo vuol dire che non ci saranno problemi di sovraccarico dato che i dispositivi non dovranno condividere il segnale.

 Non bisogna poi tralasciare i vantaggi che avranno gli utenti che utilizzano in particolare la rete mobile per collegarsi in internet. Le differenze fra una rete domestica ed una mobile saranno minime: si potranno guardare programmi in streaming, faer upload e download a velocità pari a quelle che si farebbero in casa. Questo perchè LTE si basa completamente sul protocollo IP, e supporta sia IPv4 che il nuovo IPv6

Nel nostro Paese le prime reti LTE verranno rese attive ai primi di Novembre nelle principali città per poi diffondersi in tutta la penisola entro il 2013 e i gestori telefonici stanno già preparando le offerte relative. 

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Telefonia e Comunicazione
scrivi un commento

commenti