Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
3 gennaio 2013 4 03 /01 /gennaio /2013 11:53

Il 2013 si apre all'insegna delle novità: stavolta è Canonical a partire col botto, presentando ufficialmente Ubuntu Phone OS.

Così, dopo tante voci ed esperimenti non ufficiali che dimostravano come una distribuzione Ubuntu potesse tranquillamente girare sugli smartphones (esperimenti tutt'altro che arditi dato che Android si basa su Linux) finalmente arriva qualcosa di ufficiale.

http://cdn.redmondpie.com/wp-content/uploads/2013/01/Ubuntu-smartphone-OS.png

Il progetto di Canonical è davvero ambizioso e punta alla realizzazione di smartphones che, se dotati dell'hardware giusto, siano in grado di sostituire in tutto e per tutto un pc domestico, collegandosi a TV, mouse e tastiera e trasformarsi in un computer desktop. 

Ma questo è il punto più alto del progetto, destinato solo ai modelli di smartphones di fascia alta.

In mezzo ci sono tutte le funzionalità mobili, a partire dalla tanto chiacchierata interfaccia Unity che finalmente potrà essere utilizzata sui dispostivi per i quali è stata progettata.

In pratica avremo una barra laterale da cui potremo richiamare tutte le applicazioni, mentre tramite la funzione di ricerca potremo recuperare documenti, immagini, applicazioni e quant'altro, proprio come avviene nella versione desktop.

La gestione della messaggistica non è poi tanto diversa da quelle già presenti nella concorrenza e permette di visualizzare in una sola schermata i messaggi ricevuti via sms, email, account dei social network ecc. Non mancherà la possibilità di salvare foto, video e documenti su cloud tramite Ubuntu One, ma anche questa non è poi una grande novità e bene o male sotto forme diverse è presente su tutti gli smartphones moderni.  

Avremo anche la possibilità di lanciare web-apps in maniera indipendente dal browser, e il supporto completo ad html 5. Anche queste sono cose già viste in parte o totalmente direte voi, ma qualche cosa di nuovo c'è. 

La differenza maggiore con gli altri progetti riguarda l'hardware necessario a far girare Ubuntu Phone OS. Le caratteristiche tecniche minime di uno smartphone Ubuntu non si distaccano per nulla da quelle dei terminali attualmente in commercio, ma mentre per Android la differenza fra i modelli più potenti e quelli base si nota, con Ubuntu Phone OS non succederà. 

Niente versioni modificate a seconda della potenza del dispositivo, il sistema mobile di Canonical garantirà le stesse prestazioni e le stesse applicazioni sia che giri su uno smartphone top-class che su uno entry-level.

L'unica differenza sarà data dalla possibilità, già descritta in precedenza, di avere un desktop Ubuntu a partire dal proprio smartphone. Questa funzionalità sarò possibile solo per i modelli che avranno l'hardware adatto (a partire dai connettori necessari per arrivare a processore, memoria ecc.). 

Canonical è attualmente alla ricerca dei produttori interessati ad una collaborazione e secondo l'azienda i primi modelli dovrebbero uscire entro fine anno, preceduti da una versione del sistema operativo installabile su non si sa ancora quali devices. 

Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Telefonia e Comunicazione
scrivi un commento

commenti