Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 giugno 2012 6 02 /06 /giugno /2012 20:20

Abituati ad aprire quotidianamente la nostra pagina Facebook il nostro account Twitter e perchè no, anche la nostra pagina Google+ (e tralasciamo i vari PinterestInstagram LinkedIn) noi occidentali, praticamente sommersi da ogni genere di sito social, probabilmente ignoriamo cosa succede nell'estremo oriente, dove un pò per la censura, un pò per la naturale predisposizione dei cinesi a copiare qualsiasi cosa venga prodotta in occidente il modo di navigare in internet segue regole e principi completamente diversi.

 http://www.techinasia.com/techinasia/wp-content/uploads/2011/02/tom-cruise-sina-weibo.jpgIl mercato internet cinese è potenzialmente un affare colossale per chi riesce a entrarci, ma purtroppo le vicende politiche del Paese hanno praticamente impedito alle aziende occidentali di farne parte, favorendo la nascita di una schiera di social network locali in tutto e per tutto uguali a quelli che usiamo normalmente noi occidentali se non per il fatto che qualsiasi cosa venga postata e/o commentata è sottoposta al controllo serrato del Governo Cinese, pronto a cancellare il contenuto (e ad arrestare l'autore) di ogni post considerato eversivo

Così i 500 milioni e passa internauti cinesi (che diventeranno 750 milioni entri i prossimi 3 anni) invece Facebook e Google utilizzano renren per tenersi in contatto con i loro conoscenti e baidu per le proprie ricerche in internet.

Forte di oltre 140 milioni di utenti iscritti renren (il sito di ognuno per chi non è pratico della lingua) è il sito internet più visitato in Cina.Quotato in borsa da molto prima di Facebook, ha un valore commerciale di 750 milioni di dollari e numeri in continua crescita.

Baidu invece si propone come un vero e proprio colosso del settore, forte degli accordi stretti con le più grandi major occidentali (Universal, Sony e Warner) volti a fornire ai clienti musica e film in streaming. 

Non mancano il clone di Twitter, meglio conosciuto come weibo e lo Youtube cinese: youku. Il primo, quotato in borsa dal 2009 conta ben 250 milioni di utenti e statistiche degne del suo omologo occidentale, il secondo invece supera addirittura i 300 milioni di visitatori unici al mese. 

Numeri imponenti, che in realtà sono molto più scontati di quanto si possa pensare visto che parliamo del paese più popoloso del mondo, con oltre 1 miliardo di abitanti.  



Condividi post

Repost 0
Published by informaticamente - in Web e Cultura digitale
scrivi un commento

commenti